This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.
Loading...
DOMANDE FREQUENTI 2016-11-17T16:07:50+00:00
FASE 1. – preparazione. Riempire il vaso per circa 2/3 con il terriccio, appoggiare la carta seminabile( la carta può essere sovrapposta) e coprire con un piccolo strato di terra di circa mezzo centimetro.Potete collocare il vaso sia all’interno che all’esterno.
Potete collocare il vaso sia all’interno che all’esterno, scegliendo dove posizionarlo in base alla temperatura e alle condizioni climatiche al momento della semina ( si sconsiglia di piantare all’esterno in presenza di gelo o caldo torrido).
Se volete “forzare” la crescita potete mettere la carta seminabile nel cotone ( vi ricordate da piccoli che facevamo crescere il grano??) e procedere poi alla fase 2.
FASE 2. -germinazione- Dopo aver piantato la carta innaffiare abbondantemente: la carta e il terriccio devono essere ben umidi ma non galleggiare nell’acqua. Durante i primi 10 giorni, mantenere sempre umida la carta: l’acqua è necessaria per la germinazione.
FASE 3. -cura dopo la germinazione- Una volta che i germogli sono apparsi, continuare a mantenere umida la carta, ma senza eccedere con l’acqua. Una volta che le piante appaiono robuste, annaffiare solo quando è necessario.
FASE 4. -ecco arrivare i fiori- Una volta che le piantine sono cresciute, se vedete che sono troppo fitte potete dividerle in più vasi o aspettare che inizino a fiorire per godervi il risultato.

E’ preferibile piantare la carta in Primavera o secondo le esigenze della semente presente nel foglio.

Normalmente viene utilizzata una miscela di semi selvatici, al fine di garantire una elevata germinabilità e scarsa necessità di cure ( insomma a prova di “pollici neri”)

E’ possibile però richiedere la personalizzazione della carta, scegliendo il tipo di semente preferito.

I fogli non hanno una vera e propria durata,ma per garantire la maggiore germinabilità consiglio la semina entro i due anni

Non garantisco la stampa sulle stampanti casalinghe,ne professionali ( ho provato, si riesce ma non posso garantire per i grandi quantitativi che non si rovinino).
Si ottengono ottimi risultati con la carta serigrafica, se vuoi posso fornirti anche il nome della serigrafia con cui collaboro.

La maggior parte degli strumenti di scrittura sono utilizzabili con Piantala. Prova una nuova penna su un foglio di carta seminabile sempre prima di iniziare il progetto per confermare i risultati.

I prodotti Piantala sono tutti acquistabili solamente nel mio shop.

Puoi trovare prodotti realizzati con carta Piantala da alcuni creative,ma la carta arriva da qui 😉

Realizzo i fogli nel formato A4 e A3.
Tutti i fogli hanno i bordi irregolari, questo fà parte del processo di lavorazione e ne garantisce l’artigianalità

Certo, sarà poi mia cura in base al colore richiesto e al quantitativo necessario confermarvi fattibilità e tempistiche.

Certo, la carta può essere realizzata con semi di singoli fiori, ortaggi e erbe aromatiche.
In base alle esigenze finali vi confermerò la fattibilità

E’ possibile ottenere una cartella colori per vedere consistenza e colori,trovate la campionatura nello shop

La carta Piantala è realizzata al 100% con carta di post consumo, non vengono aggiunti ulteriori coloranti ma si sfruttano quelli presenti nei fogli originali.

Viene posta massima attenzione al riciclo e recupero dell’acqua utilizzata nelle varie fasi di lavoro.